Blog

How will i discover a few captured telephone calls

Make notes, transcribe and research your phone calls, even sync with CRMs, in the most seamless and easy workflow at any time established. The most valuable efficiency add-ons designed for cell calls.

Make notes, transcribe and look for your phone calls, even sync with CRMs, in the most seamless and easy workflow at any time designed. The most useful efficiency incorporate-ons made for cellular phone calls. https://jobs.aacc.nche.edu/employers/333779-sam-cherry Make notes, transcribe and lookup your phone calls, even sync with CRMs, in the most seamless workflow at any time made.

  • How to log my i phone secretly
  • Exactly how do you adhesive tape a phone call
  • How can you record in my iPhone
  • How do you document a telephone name routinely
  • Can a registered conversation be utilized in court
  • How can I keep track of a phone call without having iphone app
  • Can a hidden-secret saving be utilized for studies

The least difficult way to manage data on cellular phone calls, time period. Transcribe and research phone calls, conserve thoughts with a faucet, even sync with corporate programs, in a simple, frictionless workflow. The new way to control crucial info when cell.

Transcribe and look for phone calls, save concepts with a tap, even sync with work programs, in a friction-no cost flow developed for cellular do the job. The new way to control significant information from your calls. Transcribe and look for calls, preserve concepts with a tap, even sync with get the job done applications, in a friction-totally free circulation crafted for mobile operate.

The new way to conserve and arrange info from mobile phone calls. Transcribe and research calls, help you save tips with a tap, even sync with get the job done programs, in a friction-no cost circulation constructed for mobile work. The simple way to preserve and remember info on your mobile.

  • Can someone else track record you without any your approval
  • How can you track record telephone calls
  • Do you find it unlawful to capture people consumer
  • If I feel threatene, can I record a conversationd
  • How do you report outgoing and incoming calls on my own new iphone 4

Transcribe and search calls, jot down thoughts with a faucet, even sync with get the job done applications, in a friction-cost-free move crafted for mobile. The easiest way to help you save and remember data on mobile phone calls. Transcribe and lookup phone calls, jot down concepts with a tap, even sync with get the job done purposes, in a friction-free of charge flow designed for cellular. The new way to deal with information on mobile calls.

Transcribe and lookup, document suggestions, or sync calls with apps. The new way to seize info on cell phone calls for all parties. Transcribe and lookup, report ideas, or sync phone calls with apps. Are you capturing and organizing information and facts from your cell phone calls nevertheless? Transcribe and look for, file suggestions with a tap, or sync phone calls with apps.

Stop getting rid of facts from your cell calls. Transcribe and research, file concepts with a faucet, or sync phone calls with applications. Capture and deal with details from your mobile calls for all events.

Transcribe and research, record tips with a faucet, or sync calls with applications. The most economical way to continue to be on prime of your cellular phone calls. Transcribe and search phone calls, jot down tips with a faucet, and sync with your applications, effortlessly. The most productive way to manage info on cellular calls. Transcribe and research phone calls, jot down thoughts with a tap, or sync with perform applications, in a frictionless circulation created for acquiring factors performed. The easiest way to handle details decline on your calls. Transcribe and research phone calls, jot down thoughts with a tap, even sync with perform apps, in a friction-absolutely free circulation crafted for mobile.

The new way to take care of information and facts overload on your calls. Transcribe and search phone calls, jot down ideas with a faucet, even sync with operate apps, in a friction-no cost flow built for contemporary do the job.

Finally, get function finished on mobile calls easily. Transcribe and research calls, preserve notes with a tap, and sync with CRMs instantly. Upgrade your cell phone calls with function functions. Transcribe and research calls, help you save notes with a tap, and sync with CRMs instantly. Simplify function with automation for your mobile phone calls. Transcribe and lookup your calls, seize feelings instantly, and sync with CRMs. Simplify your get the job done with insert-ons for your phone calls. Transcribe and search your calls, capture ideas promptly, and sync with CRMs. Boost your productiveness on mobile phone calls. Transcribe and search your calls, capture suggestions promptly, automate function, and sync with CRMs. Stop losing info from your cell phone calls.

Read more

Perché chiudete?

La giornata di ieri non è stata facile. Ero sola in libreria perché essendoci il ponte avevamo pensato non ci sarebbe stata molta gente. Ci sbagliavamo.

Nelle ultime settimane le sensazioni sono state contrastanti, il mio umore è stato come un encefalogramma impazzito. Ed essendo una riconosciuta meteopatica, sicuramente il tempo non ha aiutato.

Ieri sera forse le parole sarebbero venute più facilmente, ma ero davvero troppo stanca e non sono riuscita a scrivere ed oggi, a mente fredda e con questa consapevolezza che sale dallo stomaco, è sicuramente più difficile.

Vorrei però ringraziare tutti per questi incredibili anni insieme.

E vorrei ringraziare in particolare modo il papà che ieri mattina è venuto in libreria con i suoi bambini, ha sfogliato libri, letto, selezionato e scelto tra le meraviglie che c’erano ancora a scaffale, si è avvicinato alla cassa, ha pagato e prima di uscire mi ha porto la mano e, quando gli ho dato la mia, mi ha detto solo “Grazie!”.

Ripensandoci mi scendono di nuovo le lacrime. Grazie a lei, davvero.

Vorrei dire grazie anche alla mamma di Federico che la scorsa settimana mi ha telefonato per chiedermi quando ci sarei stata perché quando ha raccontato al suo ormai giovanotto che la libreria chiudeva lui le ha detto “mamma ma io devo andare a salutare Karin!”. Federico non dimenticherò mai i nostri mercoledì pomeriggio quando, sempre puntuale, arrivavi per farti leggere le storie.

E vorrei dire grazie alla famiglia che è venuta ieri ed al piccolo Luca che mi è venuto vicino chiedendomi serio “ma perché chiudete?”.

“Chiudiamo per tanti motivi tesoro, ma principalmente perché io ho un altro lavoro e non riesco più a gestirne due”

“Eh si deve essere impegnativo…dimmene un altro…”

Ed io senza parole e pensieri connessi gli ho risposto che in realtà in quel momento non me ne veniva in mente nessun altro….ma grazie a lui solo tanti motivi per non farlo!

“Se me la regali la tengo aperta io la libreria”

“Potrei pensarci sai? Il segreto per essere un buon libraio è leggere tanto tanto tanto!”

“Ok, allora ci penso”

Questo è quello che porterò con me di questi anni: la consapevolezza di aver lasciato un segno, seppur minimo, nella vita di questi bambini e ragazzi.

Porterò con me i loro sorrisi, i loro bronci (perché ci sono anche quelli che sono venuti in libreria molto arrabbiati perché chiudiamo!), i loro abbracci.

Ci vediamo sabato pomeriggio, 9 novembre, alle quattro.

Per un saluto.

Read more

Just how recognize a vegetation

Caglayan et al. [sixteen] outlined different sets of shade attributes. The initial set consisted of suggest and normal deviation of depth values of the purple, the inexperienced, and the blue channel and an normal of these channels.

The 2nd set consisted of CH in purple, inexperienced, and blue channels. The authors found the initial 4 CM to be an effective and successful way for symbolizing colour distribution of leaf illustrations or photos [43, forty eight, 116, 148]. Che Hussin et al.

[27] proposed a grid-based mostly CM as descriptor. Each and every picture is divided into a 3×3 grid, then each and every cell is explained by imply, conventional deviation, and the 3rd root of the skewness. In contrast, [87] evaluated the initially 3 central moments, which they found to be not discriminative in accordance their experimental benefits. Flower examination.

Plant Id Tips

Colour plays a much more crucial job for flower analysis than for leaf evaluation. We identified that nine out of 13 scientific tests on flower evaluation use coloration descriptors.

Even so, applying shade data only, without the need of considering flower form functions, simply cannot classify flowers properly [104, a hundred and five]. Flowers are generally transparent to some degree, i. e. , that the perceived colour of a flower differs dependent on no matter if the mild comes from guiding or in front of the flower. Because flower photographs are taken below different environmental conditions, the variation in illumination is drastically affecting examination effects [126]. To deal with this dilemma, [three, thirty, fifty seven, sixty] transformed their photographs from the RGB color place into the HSV space and discarded the illumination (V) ingredient. Apriyanti et al.

[three] researched discrimination ability of characteristics for flower visuals and determined the pursuing relation from the highest to the cheapest: CCD (form), HSV colour, and geometric moments (form).

Hsu et http://plantidentification.co al. [60] uncovered that shade features have a lot more discriminating means than the heart length sequence and the roundness condition characteristics. Qi et al. [117] examine a process the place they decide on area keypoints with coloured SIFT (CSIFT) .

CSIFT is a SIFT-like descriptor that builds on a color invariants. It employs the exact same method as SIFT for constructing descriptors. The neighborhood gradient-orientation histograms for the very same-scale neighboring pixels of a keypoint are utilized as descriptor. All orientations are assigned relative to a dominant orientation of the keypoint. As a result, the developed descriptor is invariant to the global object orientation and is steady to occlusion, partial physical appearance, and cluttered surroundings owing to the nearby description of keypoints. As CSIFT employs colour invariants for developing the descriptor, it is strong to photometric changes [2].

Qi et al. [117] even observed the general performance of CSIFT to be outstanding around SIFT. Texture. Texture is the time period applied to characterize the surface area of a presented object or phenomenon and is definitely a most important feature employed in computer vision and sample recognition [142, 153]. Generally, texture is affiliated to the come to feel of different resources to human touch. Texture graphic analysis is primarily based on visible interpretation of this emotion. In contrast to colour, which is generally a pixel home, texture can only be assessed for a group of pixels [153]. Grayscale texture assessment procedures are normally grouped into 4 categories: signal processing procedures based mostly on a spectral remodel, these as, Fourier descriptors (FD) and Gabor filters (GF) statistical procedures that explore the spatial distribution of pixels, e. g. , co-incidence matrices structural strategies that stand for texture by primitives and policies and model-centered techniques based mostly on fractal and stochastic models.

Read more

La famiglia X (Incontro C’era L’acca)

Sarà che in questo periodo sono particolarmente sensibile per vari motivi, sarà che sono molto stanca, sarà che le mie letture hanno subito una battuta d’arresto improvvisa ed erano settimane che non riuscivo ad arrivare all’ultima pagina di un romanzo, ma mi sono commossa (NDR: anche qualche sera fa l’ho fatto davanti alla televisione, sebbene fosse la terza volta che vedevo Boehmian Rapsody).

La definizione di “famiglia” su Wikipedia riporta: “ E’ un nucleo sociale rappresentato da due o più individui che vivono nella stessa abitazione e, di norma, sono legati tra loro da rapporti di parentela o di affinità.”

Ecco, credo che sia una perfetta definizione a cui dovremmo attenerci, senza se e senza ma. Senza preconcetti e senza pregiudizi. Perché la famiglia “naturale”, come a molti piace definirla, semplicemente non esiste.

E non esiste in particolar modo al giorno d’oggi, tempo in cui tale concezione risulta, fortunatamente, superata e retrograda (concedetemi il termine)  nella vita e nel tempo reale.

L’altra sera abbiamo avuto il nostro consueto incontro mensile del gdl “C’era l’acca” ed abbiamo parlato de “la famiglia x”, breve romanzo di Matteo Grimaldi, edito da Camelozampa.

Un libro che si legge tutto d’un fiato, che appassiona, sorprende, insegna.

Per nulla scontata, la storia racconta, con la giusta naturalezza, senza appesantimenti o inutili dettagli, un pezzo della vita di Michael (si legge Micael non Maicol!) che dopo l’arresto dei genitori che lo avevano coinvolto nei loro loschi traffici di droga, a 13 anni si trova affidato agli assistenti sociali che prima lo accompagnano a vivere in casa di una anziana signora e poco dopo lo affidano ad una nuova famiglia, composta da una coppia senza figli: Enea e Davide.

Ed è proprio l’anziana signora Guerra (sarà stato un caso la scelta del nome da parte dell’autore?) a capitanare una battaglia contro questa scelta degli asssistenti sociali,  mobilitando l’intero paese a suon di slogan tramite i social network, per una raccolta firme da presentare al sindaco per “liberare e aiutare” il povero Michael, prima che sia troppo tardi.

Inutile dire che il giovane Michael sta benissimo tanto che arriva persino a pensare che l’idea di tornare dai genitori una volta scarcerati “gli piace proprio zero”.

Un romanzo di formazione, questo, a mio avviso adatto non solo ai ragazzi, per accompagnarli alla scoperta di temi importanti quali la separazione, la droga, l’amore, i diritti ed i doveri di ciascuno, ma anche agli adulti.

E proprio agli adulti presenti ho posto la mia domanda l’altra sera: il tema, che apparentemente sembra il principale nel romanzo, lo è davvero anche per gli adolescenti di oggi o siamo solo noi adulti a leggerlo in questo modo?

Io credo (forse mi piace pensarlo!) che i ragazzi di oggi possano leggerci tante cose in questa storia, ma che l’omosessualita della coppia non sia tra le più importanti.

Semplicemente perché per loro è la normalità. È, giustamente, il nostro tempo e la realtà che vivono e che viviamo, ogni giorno. Basta guardarsi intorno: al cinema, al supermercato o sul tram: famiglie composte da sessi e colori diversi.

E nessuno di loro o dei loro figli deve essere “salvato”.

Read more

#Didiario2019

Oggi si è (quasi) chiusa la nuova edizione di #didiario2019.

E ancora una volta ci troviamo a raccontare di entusiasmanti incontri con gli autori: bambini, ragazzi ed insegnanti emozionati per aver potuto incontrare dal vivo chi li ha accompagnati in viaggi attraverso le pagine dei libri.

Storie divertenti o tristi e forti.

Io quest’anno non ho potuto partecipare agli incontri con gli autori e sono davvero dispiaciuta per essermi persa nuovi incontri con persone speciali che so essere capaci di trasmettere tanto, appassionate del proprio lavoro e che fanno della scrittura e delle storie la propria vita.

Più scrivo e mi più mi rendo conto, però, di quanto faccia fatica, soprattutto oggi, a raccontare solo il bello di quello che facciamo.

E’ oggi infatti che voglio fare alcune riflessioni, mio malgrado, su quello che è successo e sta succedendo.

Oggi che al Circolo Everest abbiamo assistito ad uno spettacolo emozionante e struggente.

Oggi che Alessia Canducci, con la sua lettura ed interpretazione di Mary e il mostro, ancora una volta meravigliosa, ci ha tenuti immobili inchiodati alle poltroncine dello spazio di Industria Scenica, ad assistere, trattenendo il fiato, al reading della storia di questa donna e della sua vita, tra le onde, il dolore, la follia in un crescendo di musica e parole che però a parole è difficile trasmettere.

Eravamo in quindici, libraie comprese.

Ed è questo ciò che mi fa male. Pensare e dover prendere coscienza del fatto che, purtroppo, la passione e le energie che mettiamo nel nostro lavoro quotidiano, non sono evidentemente sufficienti per cambiare il mondo e neanche, nel nostro piccolo, la piccola sua porzione che è il territorio in cui siamo e lavoriamo.

Lo spettacolo di oggi era gratuito. Nel senso che era offerto dalla Libreria Librambini, che in questo progetto della rassegna letteraria crede fermamente da anni e che porta avanti l’iniziativa con grandi dispendi di energia e, perché non dirlo, di soldi.

Non è bastato. Come non è bastato pubblicizzarlo, postarlo sui social, sui gruppi, mandare inviti, averne parlato con le insegnanti incontrate in questi giorni nelle scuole.

Non è bastato.

E quello che più mi fa male è sapere che come per i pochi che c’erano, anche per chi avrebbe potuto assistere, sarebbe stata un’esperienza forte, difficilmente dimenticabile, per ragazzi e adulti.

Ora vado a dormire. Domani abbiamo un altro spettacolo, per i più piccoli. E dobbiamo anche premiare i vincitori dei nostri concorsi letterari, quindi devo essere in forma e piena di pensieri positivi.

“I miei sogni mi appartenevano; non dovevo renderne conto a nessuno; erano il mio rifugio quando ero irritata – il mio più grande piacere quando ero libera.”

(Mary Shelley)

Read more

Il viaggio – Incontro “C’era l’acca”

Martedì sera c’è stato l’incontro mensile di “C’era l’acca”, il nostro gruppo di lettura.

Avremmo dovuto parlare di “Migranti”, ma la serata, per una serie di motivi, ha preso una strada diversa e non abbiamo parlato del tema per cui ci eravamo preparati.

Tra i miei albi preferiti e che avrei voluto raccontare all’incontro, c’è quello per cui tempo fa avevo fatto la mia prima recensione del libro del mese per il bollettino “Librai, ragazzi e Libri”, selezione mensile delle migliori novità a cura dei librai del Coordinamento  librerie per ragazzi di cui facciamo parte ormai da qualche anno.

Ve lo racconto qui.

Una storia dei nostri giorni. La storia di una donna, rimasta vedova in un paese in guerra, che deve abbandonare la sua casa per mettersi in salvo e proteggere i suoi due figli. Raccontata attraverso gli occhi di un bambino, tristezza e paura dilagano in un nero soffocante che tutto invade e ricopre.

“Gli uccelli stanno migrando proprio come noi. Anche loro devono fare un lungo viaggio, ma non devono superare nessun confine. Chissà se noi, come questi uccelli, un giorno riusciremo a trovare una nuova casa.

Parole ed illustrazioni si mescolano sapientemente per raccontare anche ai più piccoli la paura dell’ignoto, la desolazione della solitudine nell’affrontare un viaggio, l’abbandono della propria terra, degli amici e di tutto ciò che ci appartiene e che è casa. Un viaggio della speranza, che traspare nei colori luminosi che riempiono poco per volta le pagine di questo meraviglioso albo illustrato.
Per raccontare la forza e la paura, per insegnare la consapevolezza e l’accoglienza per l’altro, sia esso il nostro migliore amico, lo sconosciuto che incrociamo per strada, il nostro vicino di casa. Perché questa potrebbe essere la loro storia, ma è anche la nostra.

Ci vediamo il 16 aprile.

Read more

Fu’ad e Jamila

Una delle cose in cui non siamo particolarmente capaci sono le vetrine, ma non importa, quando riusciamo a farle “parlare” per noi. Bastano una foto, una frase, le copertine dei libri.

E’ quello che abbiamo fatto prima di partire per le vacanze estive. E nonostante oggi la libreria abbia riaperto e ci volesse un tocco di novità… ho deciso di lasciarle come sono ancora per un po’.

Tra i libri esposti che parlano per noi c’è anche Fu’ad e Jamila, scritto da Cosetta Zanotti ed illustrato da Desideria Guicciardini, edito da Lapis Edizioni.

Racconta di un viaggio della speranza, di Fu’ad che lascia la sua casa, la sua terra, e decide di affrontare il mare, lottare contro le proprie paure, per poter dare alla moglie Jamila, e soprattutto al bimbo che aspettano, un futuro.

Corpi accalcati su un barcone, odore di ruggine che brucia i polmoni, e “speranze, paure, rabbie, dolori e desideri galleggiavano pesanti sulla vecchia imbarcazione”.

Poi la tempesta, il naufragio, le grida, pianti di bambini e urla di donne, le preghiere, la morte, per alcuni.

Fu’ad si ritrova da solo e per un attimo crede di aver perso tutto: la sua vita.

Finchè una luce non squarcia il silenzio della notte…

Cosetta Zanotti, autrice del libro, scrive: “Le storie sono fatte di desideri, speranze e di sogni. Ma a volte è la vita vera che ci riserva le sorprese più grandi. Per alcuni uomini oggi partire e viaggiare sono diventati una necessità . Uscire dalla propria terra significa aggrapparsi alla speranza di poter costruire un futuro per sé e per la propria famiglia. Narrare del viaggio di chi anela una ‘vita possibile’ diventa occasione per scoprire come quella storia, come ogni racconto dell’altro, interroga la nostra storia e la nostra responsabilità. Un appello all’incontro, all’apertura, a mollare gli ormeggi che legano le nostre vite a porti immobili e apparentemente sicuri.”

Non credo serva aggiungere altro.

Per chi volesse andare a vedere c’è anche il trailer a questo link.

Read more