Blog

#Didiario2017

 

E anche la terza edizione di #Didiario2017 si è conclusa.

Dopo due settimane di incontri nelle scuole in compagnia di autori, scelti e selezionati per voi, dopo accoglienze piene di entusiasmo, lavori accurati e tanto tempo dedicato alla lettura, non possiamo che essere entusiaste e nuovamente cariche per la prossima edizione.

A qualcuno potrà sembrare banale, ma pensiamo che i ringraziamenti siano doverosi dopo (se non durante) queste “maratone” a chi ci ha supportato, aiutato ed ha lavorato con noi e per i bambini e ragazzi, per avvicinarli alle storie ed ai libri, perché è questo che noi facciamo, proprio come dice Alina (e come diceva la sua mamma): suggeriamo libri.

Quest’anno sentiamo che il primo “grazie” debba essere per Francesca ed il suo team di Industria Scenica perché, come forse alcuni di voi sapranno, soprattutto per me, questo non è stato un anno facile, troppi impegni, momenti duri e stanchezza. Il suo e loro supporto è stato indispensabile per mantenere il ritmo di un’organizzazione che, credetemi, per quanto breve, è molto impegnativa. E poi, va detto, lo spazio del Circolo Everest, sempre a disposizione per le iniziative, ha conquistato tutti: ragazzi, autori, insegnanti e genitori!

Porteremo con noi, proprio come, siamo certe, molti ragazzi, il ricordo di queste giornate insieme, tra le storie e le pagine in cui gli autori ci hanno accompagnato, standoci al fianco e tenendoci per mano: Elisa Mazzoli, Laura Bonalumi, Antonio Ferrara, Luigi Ballerini e Gabriele Clima.

Cosa rimarrà di queste settimane?

Certamente a Matias il suo nuovo nome: Kevin, come ormai lo chiama anche la maestra! Sì perché dovete sapere che le classi quarte delle scuole Arcimboldi, Calvino e King di Cologno Monzese hanno “fuso”  la nostra rassegna in un progetto del Politecnico di Milano e partecipato ad un concorso che li ha visti protagonisti anche come attori: partendo dal libro “L’albero delle storie” di Gabriele Clima edito da Piemme per la collana Il Battello a vapore, hanno recitato, creato ed illustrato. E così ora anche noi abbiamo i nostri Sef, Mina e Kevin. E naturalmente il nostro albero delle storie.

Maryam sicuramente leggerà il nuovo libro di Luigi Ballerini, dopo che lui le ha svelato che la protagonista (cattiva) del suo nuovo romanzo, si chiama come lei.

E Abdul difficilmente dimenticherà Luigi che gli ha confermato che non aveva intenzione di insegnare alcunché a nessuno scrivendo il suo libro “Il mistero del bosco”.

Alla nostra tavola rotonda “L come libri, L come libertà” non c’era molta gente, un vero peccato perché è stato davvero interessante chiacchierare informalmente con Nino, Gabriele, Laura e Sergio, ascoltarli, confrontarsi e vivere le loro esperienze ci ha arricchiti…purtroppo non avevamo messo in conto   la visita di Papa Francesco che ci ha sottratto un po’ di audience…

Ma ci siamo rifatti con “Federico&Co”, lo spettacolo teatrale (video qui) e musicale di Giorgio Personelli (voce) e Perangelo Frugnoli (chitarra), ispirato alle storie di Leo Lionni, che ha entusiasmato grandi e piccini! Che dire di Noah e Daniela che ancora canticchiano “Guizzino va…” e “Topi, topi, topi, topi topi topi to”? 🙂

 

Abbiamo poi concluso ieri con lo spettacolo teatrale “Io Emanuela, agente della scorta di Paolo Borsellino” di Progetti e Regie, associazione culturale che diretto da Sara Poli e interpretato da Laura Mantovi ha messo in scena le pagine tratte dal libro di Annalisa Strada. Doveroso un ringraziamento al Comune di Vimodrone per aver contribuito allo spettacolo.

Un grande GRAZIE a Luciana Sollecito, referente del progetto lettura dell’Istituto comprensivo Montale di Cologno Monzese che con perseveranza, passione e tanta grinta, ci sostiene e coinvolge le scuole del plesso; le sue colleghe che hanno lavorato con i ragazzi, per aver creduto nella rassegna e tutti i partecipanti, bambini e bambine, ragazze e ragazzi, genitori, clienti e amici.

E poi, ancora una volta, grazie a Chiara, a mio marito, a Giovanna (che gli fa compagnia in libreria mentre Chiara ed io ce ne andiamo in giro a divertirci!) e ad Alina, che da lontano rende tutto questo possibile.

A prestissimo!

 

 

Non ci sono ancora comenti per questo articolo


Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.